Skip to main content

Zero commissioni per il trading di qualsiasi CFD su criptovalute

  • 0% di commissioni
  • 0% spese di swap per le posizioni overnight
  • 0% di commissioni sui depositi

62.2% of retail investor accounts lose money

Available for retail clients on the Libertex Trading Platform

0% commission fee for any crypto CFD
gas-energy

I timori di una recessione pesano sul petrolio mentre il gas riprende terreno

Fri, 08/12/2022 - 16:50

Dagli anni '70, l'Europa si trova nella morsa della più grande crisi energetica dei tempi recenti. Dall'inizio dello scorso anno i prezzi mondiali del petrolio sono raddoppiati, i prezzi del carbone sono quasi quadruplicati e i prezzi europei del gas naturale sono aumentati di quasi sette volte. Ciò sta inevitabilmente spingendo le imprese e i consumatori a stringere la cinghia, e gli effetti di questa situazione si fanno sentire sia nel settore manifatturiero che nelle PMI dei servizi in tutto il vecchio continente.

Ora, tuttavia, una combinazione di aumento dell'offerta e riduzione della domanda industriale potrebbe effettivamente finire per abbassare i prezzi. Ma non è una buona notizia? A breve termine, forse sì, ma macroeconomicamente…non tanto. Ovunque ci sia una crisi, però, i trader e gli investitori sono sicuri di trovare un'opportunità se cercano abbastanza. In questo articolo, esamineremo la direzione futura del mercato dell'energia e cercheremo di individuare il modo migliore per affrontare la situazione attuale.

OPEC in soccorso?

Per molti, gli aumenti dei prezzi del petrolio che hanno colpito più duramente il consumatore medio sono considerati artificialmente sostenuti. Dopo tutto, c'è abbastanza petrolio facilmente accessibile nel mondo. Semplicemente non viene rilasciato sul mercato. Pur essendo semplice nella sua analisi, il ragionamento è essenzialmente vero. L'OPEC è stata sottoposta a pressioni per aumentare l'offerta per diverse settimane dopo la visita di Biden nel Regno dell'Arabia Saudita del mese scorso. Tuttavia, non tutti i membri del cartello sono altrettanto amichevoli con gli americani come Riyadh. Molti degli Stati membri del gruppo sono più che soddisfatti dei prezzi più elevati e preferirebbero che la merce restasse scarsa. Dopo molte deliberazioni, l'OPEC ha infine accettato un modesto 100.000 bpd, che sebbene non sia una panacea, andrà certamente a controllare i prezzi in autunno. Infatti, sia Brent che US West Texas Intermediate hanno risposto immediatamente alla notizia scendendo dello 0,2% a 97,22$ e 91,7$, rispettivamente. Con la continua pressione di coloro che vorrebbero aumentare la produzione dalla più grande superpotenza del mondo, potremmo quindi ragionevolmente aspettarci una tendenza al ribasso nei prossimi mesi.

Domanda sottotono preoccupa economisti

Mentre l'aumento della produzione ha certamente contribuito a controllare i prezzi, la causa del crollo dei prezzi del petrolio non dipende soltanto dall'offerta. Dati recenti indicano che la domanda di benzina negli Stati Uniti è attualmente inferiore a quella di due anni fa all'apice dei blocchi pandemici, con prezzi di oltre 120$ per barile di petrolio che mantengono più partecipanti fuori dai giochi rispetto al COVID-19. Nel frattempo, i prezzi dell'elettricità, direttamente correlati ai prezzi del gas e del carbone, sono aumentati in modo esponenziale.

L'instabilità politica nell'est e la mancanza di alternative valide hanno fatto sì che i prezzi europei del gas e dell'elettricità siano aumentati. A differenza del petrolio, i consumatori di oggi non sono in grado di rinunciare all'uso dell'elettricità, e con la stagione dell'uso del riscaldamento che si avvicina velocemente, saranno ugualmente costretti a riscaldare le loro case indipendentemente dal costo. Nonostante la minore suscettibilità del gas naturale alla pressione sul lato della domanda, molte aziende stanno riducendo l'uso di energia a causa dei prezzi elevati, e ciò sta portando a un'inflazione accelerata e a una crescita negativa in molte nazioni dell'UE. Se questa tendenza proseguisse in autunno e in inverno, l'Europa potrebbe benissimo dirigersi verso una recessione a pieno titolo. In tal caso, ci si aspetterebbe una tendenza al ribasso prolungata.

Scambia CFD su petrolio e gas con Libertex

Con tutta l'instabilità politica ed economica del mondo, nessuno sa veramente dove si dirigono i mercati dell'energia nel breve-medio termine. Ma con Libertex, almeno avrai la possibilità di scambiare CFD energetici long o short per la massima flessibilità e diversificazione. Libertex offre una gamma di CFD su materie prime comprendenti petrolio greggio come Brent, WTI e Light Sweet, e gas naturale come Henry Hub, per non parlare di una vasta gamma di CFD azionari correlati, inclusi Exxon Mobil, Total e Gazprom. Devi solo scegliere! Goditi gli spread ridotti e le basse commissioni della nostra offerta mentre fai trading comodamente sulla nostra app pluripremiata. Per maggiori informazioni o per creare un conto, visita oggi il sito www.libertex.com

 

Avviso di rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva. Il 62,2% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Si applicano piccoli spread. Controlla i nostri spread nella piattaforma. Disponibile per i clienti retail sulla piattaforma di trading Libertex. Si dovrebbe prendere in considerazione la propria capacità di comprendere lo strumento dei CFD e se ci si può assumere l'alto rischio di perdita che il trading di questi strumenti comporta.