Cos’è lo Swing Trading

Cos’è lo Swing Trading


11 Mag 2020

Reading time: 11 min

Lo swing trading è una delle tecniche più di successo nel trading. Il meccanismo di base è abbastanza semplice: attraverso questo metodo si cerca di individuare il movimento futuro di prezzo che potrebbe verificarsi con maggiore probabilità, tentando quindi di sfruttarlo per ottenere dei profitti. Le posizioni assunte attraverso lo swing trading di solito possono rimanere aperte da pochi giorni fino a qualche settimana. È una strategia di trading a medio termine, orientata a pochi profitti nel modo più costante possibile.

Il termine swing trading deriva dal fatto che questo metodo di trading implica l'analisi tecnica dei movimenti storici dei prezzi, e la loro tendenza ciclica a ripetere nel tempo gli stessi movimenti, seppure con livelli diversi. In breve, il mercato è valutato solo in base al merito, al movimento storico che riporta e alla sua volatilità. È quindi uno dei metodi di trading utilizzati da più tempo, e rappresenta la forma più pura di scambio applicata ai mercati finanziari.

Cos’è lo Swing Trading e come funziona

L’obiettivo dello Swing Trading è quello di fare scambi che corrispondano al trend di mercato dominante - rappresentato nell’immagine grande - in modo da aumentare il tasso di guadagno del trader.

Cos'è lo swing trading, ti starai chiedendo? In parole molto semplici, è una metodologia di trading che si applica soprattutto al mercato forex; può essere utilizzata anche su altri asset come gli indici e le materie prime, ma in queste ultime ipotesi risulterebbe depotenziata delle sue caratteristiche più interessanti. Lo swing si basa interamente sull'analisi tecnica per prevedere il futuro movimento dei prezzi e trarne un vantaggio, in modo da ottenere dei profitti. L'obiettivo è sempre quello di fare trading in base all’oscillazione (swing) che corrisponde alla tendenza del mercato riportata nell’immagine grande, per cercare di aumentare la propria percentuale di guadagni.

Lo scopo principale dello Swing Trading è realizzare piccoli profitti in maniera costante, senza lo stress di dover controllare in continuazione la schermata di trading, ogni minuto della giornata. Ti è sufficiente infatti fare un'analisi del mercato utilizzando il tuo strumento preferito, aprire una posizione e monitorare gli utili che guadagni nei giorni o addirittura nelle settimane successive.

Alcuni degli indicatori più comuni usati per analizzare il mercato e applicare lo Swing Trading sono:

  • I livelli di Fibonacci
  • Supporti e resistenze
  • I crossover dell’indicatore MACD
  • I canali

Come fare Swing Trade

Proprio come suggerisce il nome, quando fa swing trading un trader cerca di sfruttare il movimento ciclico dei prezzi per realizzare dei profitti. Questi movimenti possono essere verso l'alto, verso il basso o dei trend laterali. È una strategia di trading che, una volta acquisita, può essere utilizzata per operare in tutti i tipi di mercato; mercati bull, mercato bear e mercato ranging (ovvero quelli più stabili).

Il segreto dello swing trading consiste nell’individuare il momento giusto in cui entrare in azione e il tempo sufficiente in cui rimanere nel mercato per generare dei profitti.

Il segreto dello swing trading consiste nell’individuare il momento giusto in cui entrare in azione e il tempo sufficiente in cui rimanere nel mercato per generare dei profitti. Affinché questo avvenga, il trader deve assicurarsi che la sua strategia abbia i seguenti elementi chiave:

  • Un punto (o segnale) d’ingresso e di azione
  • Uno stop alle perdite
  • Un punto take profit

Ad esempio, un trader che fa swing e che utilizza supporti e livelli di resistenza come principale strumento di trading manterrà i suoi stop loss 5-10 pip al di sotto del livello di supporto; di solito il precedente minimo per una tendenza al rialzo e il precedente massimo per una tendenza al ribasso. Il punto di ingresso sarebbe approssimativamente a 50-100 pips da questo supporto. Il punto take profit sarebbe compreso tra l'80% e il 95% del movimento al precedente livello di resistenza. Nell’esempio visto ora, il movimento del prezzo attorno al livello di supporto determinerà se entrare in una posizione o meno. Gli utili possono anche essere solo parziali rispetto alle previsioni, se la volatilità o lo slancio del mercato diminuiscono e quindi consentono al resto di andare dritto fino al punto di profitto. Questa è una strategia che viene utilizzata per garantire che, anche se il mercato subisce delle inversioni a seguito di un breakout, un trader riesca sempre a portare qualcosa a casa.

Nella tabella sopra, il livello di supporto del prezzo è 71.624, mentre la resistenza è a 72.085. Se decidessi di assumere una posizione rialzista in questo momento, lo stop loss sarebbe a 71.630 mentre il livello di take profit sarebbe a 72.000.

Vantaggi e svantaggi dello Swing Trading

Come ogni altra cosa esistente in questo universo (e forse anche in altri universi!), lo Swing Trading offre dei potenziali vantaggi se applicato con criterio, ma può anche avere qualche svantaggio, rappresentando pur sempre una strategia di trading.

I punti di forza di questa strategia (o stile) di trading molto popolare possono così riassumersi:

Vantaggi:

  • Dimensioni del trading molto chiare: il sistema di swinging è in grado di individuare con precisione il momento in cui entrare in una posizione, lo stop loss più strategico e il miglior punto di profitto. Seguendo alla lettera queste indicazioni puoi essere sicuro che le perdite vengano diminuite in tempi rapidi e che le operazioni di successo procedano fino al momento più opportuno.
  • Movimenti naturali di mercato: uno dei principali motivi per cui le persone perdono denaro nel forex è il loro tentativo costante di andare contro il mercato e il suo trend. Lo swing trading al suo interno sfrutta il trend naturale e i movimenti del mercato per ottenere posizioni redditizie. Si tratta di individuare dove è stato il mercato, dove si trova attualmente e la probabilità che riveda la sua posizione precedente, traendone quindi un vantaggio.
  • Stop alle perdite più basso: fatta eccezione per le strategie di trading infra-giornaliere, lo swing trading è uno dei metodi con lo stop loss più basso. Questo comporta che il rischio associato a ogni posizione assunta è relativamente ridotto: di conseguenza, gli investimenti dei trader sono maggiormente protetti. La strategia di oscillazione (swing) ideale prevede inoltre un rapporto profitti/perdite minimo di 3:1: ogni posizione assunta ha il potenziale di offrire guadagni tre volte maggiori rispetto al rischio commerciale.
  • Maggiori opportunità di trading: costituendo una strategia di trading a medio termine, lo swing trading consente di scoprire nuove opportunità di trading man mano che si presentano, dal momento che si può entrare e uscire dalle negoziazioni in tempi relativamente veloci. La chiave di volta di questo stile di trading è l’andamento ciclico del mercato; proprio per questo, consente di negoziare sia seguendo la tendenza, sia di andare in controtendenza, offrendo quindi maggiori opportunità di guadagno.

Svantaggi:

Da bravo swing trader, devi sempre tenere a mente i seguenti punti per minimizzare le potenziali perdite associate a questo metodo di scambi:

  • Elevato livello di stop loss: il trading swing ha margini di stop loss veramente piccoli, che a volte non sono sufficienti per consentire al mercato di tirarsi indietro in modo da ottenere lo slancio richiesto. Questo comporta che il potenziale affinché la posizione raggiunga lo stop loss stabilito dal trader sia elevato, e ogni raggiungimento dello stop porta alla perdita di fondi, che è data dalla somma di piccolissime perdite.
  • Imprevedibilità del mercato: lo swing trading ruota attorno alle probabilità. Per questo, non sempre il mercato si comporta come suggerisce l'analisi tecnica. Gli scambi con lo swing sono particolarmente sensibili ai cambiamenti repentini del mercato: può succedere infatti che questo si comporti in maniera esattamente contraria a quanto previsto.
  • ​​Gap di apertura: lo swing trading comporta il mantenimento di posizioni per diversi giorni di negoziazione. A volte i mercati possono aprirsi con notevoli gap di prezzo, e se il gap è contro la tua posizione significa la possibilità di perdite istantanee.

Le migliori strategie Swing Trading

Tutte le strategie trading swing possono essere ricondotte a un indicatore tecnico specifico, dal momento che questa metodologia trova il suo fondamento nell'analisi del movimento del mercato. Le strategie di trading swing più popolari sono:

I crossover dell’indicatore MACD

Questa è una delle strategie di trading swing più riconosciute e utilizzate perché mostra sia una determinata tendenza di mercato che la sua inversione. L'indicatore MACD ha due linee: la linea del segnale impostata sullo zero e, la linea della media mobile. Ogni volta che la media mobile attraversa la linea del segnale, suggerisce la possibilità di uno scambio: un incrocio al rialzo suggerisce una posizione rialzista, mentre un incrocio al ribasso indica una posizione ribassista.

Un crossover nella direzione opposta rispetto alla posizione data presenta i segnali per un punto di uscita da quella posizione.

In questo grafico, la media mobile è in rosso mentre le barre bianche rappresentano la volatilità del mercato; più le barre sono evidenti, e maggiore è la volatilità del mercato. Dal grafico, è chiaro che ogni volta che la media mobile interseca la linea, si sta verificando una tendenza verso il basso o verso l'alto a seconda della direzione dell’incrocio. Tuttavia, il principale svantaggio di questo indice, come è evidente, è che quando si verifica il crossover la tendenza è già iniziata da un po’ di tempo, il che significa che l’entrata avverrà già con un po’ di ritardo.

I ritracciamenti di Fibonacci

Questo è uno strumento di analisi tecnica per il mercato forex, utilizzato principalmente per identificare i livelli di supporto e resistenza, ovvero di prezzo minimo e di prezzo massimo. Nel tempo è stato osservato che i mercati forex tendono a tornare ad alcuni livelli prefissati, prima di proseguire per qualunque tendenza a lungo termine in cui si trova attualmente il mercato. Questi livelli sono diventati noti come i livelli di Fibonacci e sono espressi in forma percentuale di tutto il movimento complessivo del mercato: 61,8% 23,6% e 38,2%. Di recente, i trader hanno anche aggiunto un livello del 50% vista l'alta probabilità osservata di un trade di rientrare in posizione dopo essersi spostato della metà della sua precedente distanza.

Il trading swing utilizza questi livelli per definire il punto di ingresso nella posizione, impostare lo stop loss e i livelli di take profit.

  1. Livello di resistenza precedente
  2. Il prezzo scende al livello di resistenza precedente che coincide con il livello FIB del 50% (confluenza); quindi inizia poi a risalire

Guardando questa immagine, in relazione al trend rialzista il punto di disegno di Fibonacci è il prezzo più basso dell'ultima candela ribassista. Il secondo punto di disegno è l'ultima oscillazione in alto. Da lì, in qualsiasi momento il prezzo ritorna a uno qualsiasi dei livelli: puoi aprire quindi una posizione rialzista per seguire la tendenza di mercato.

Supporti e resistenze

Questo è stato a lungo considerato il fondamento dell'analisi tecnica per il forex trading. Un livello di supporto si riferisce a un livello di prezzo in cui la pressione di acquisto ha già superato la pressione di vendita, causando quindi un cambiamento nella tendenza. Un livello di resistenza, d'altra parte, si riferisce a un livello di prezzo che ha precedentemente dimostrato la pressione di vendita superare la pressione di acquisto, portando quindi a un mutamento della tendenza rialzista che diventa ribassista.

I trader swing utilizzano questi punti per mappare il loro ingresso, stabilire lo stop loss e il punto di take profitto. In una posizione rialzista (quindi un mercato bull), il trader attende che i prezzi rimbalzino sul livello di supporto per entrare in una posizione di acquisto, con lo stop loss ad alcuni pips al di sotto del supporto. I trader possono quindi impostare il proprio profitto prendendo in considerazione il precedente livello di resistenza. Stesso discorso vale per il contrario, quindi anche per le posizioni ribassiste.

È importante sapere che un notevole superamento del livello di supporto o di resistenza converte quel livello superato nel suo opposto: il supporto che ha subito una rottura diventa un livello di resistenza, mentre un livello di resistenza che ha subito una rottura diventa un supporto.

Il trading del canale

Questa è una strategia che funziona al meglio con delle condizioni di mercato che siano chiaramente definite rialziste o ribassiste: il segreto per trarne dei profitti è fare trading sempre in base alla tendenza del mercato. Inoltre questa strategia, coerentemente con lo swing trading, dà il suo meglio nel trading a breve termine. Quando tracci un canale su una tendenza rialzista, entri in una posizione di acquisto quando il prezzo tocca la parte inferiore del canale, e utilizzi il precedente rimbalzo della parte superiore del canale come livello di take profit. L'ultimo rimbalzo sul ribasso viene ora utilizzato come livello di stop loss. Per una posizione ribassista è sufficiente fare l’inverso di quanto descritto ora. Nel grafico seguente, le linee blu diagonali rappresentano il canale di trade per questo mercato ribassista. Ogni volta che il prezzo colpisce il canale, rimbalza su di esso e va per la direzione opposta.

Un avvertimento: il miglior metodo di gestione del rischio è quello di fare scambi sempre seguendo la tendenza. “Cavalcare l’onda” rende l’idea di come gestire al meglio tale tecnica. Nell’ipotesi seguente, le migliori operazioni sarebbero state le posizioni al ribasso prese dopo il rimbalzo di un canale nel punto più alto.

Ad esempio, nel momento in cui il prezzo ha toccato il canale a 1.13152, il trading sul canale impone che il prezzo rimbalzi verso il basso. Di conseguenza, si dovrebbe piazzare un ordine di vendita a pochi pip al di sotto del punto più elevato del canale, in questo caso, 1.12797. Lo stop loss dovrebbe essere di qualche pips sopra il precedente hit del canale, 1.13841, mentre il take profit è all'interno del precedente hit del canale nella parte inferiore dello stesso, 1.11273. Questo è un trade che ha avuto 150 pip di movimento, di traslazione, e si è rivelato molto redditizio con il trend che utilizza i canali.

L’Intra-Day Trading vs lo Swing Trading

La principale differenza tra il trading intra-day (giornaliero) e lo swing trading consiste sta negli orizzonti temporali che vengono analizzati, e il tempo durante il quale una posizione viene mantenuta. Le altre differenze includono:

Trading giornaliero

Swing Trading

Le posizioni vengono chiuse alla fine della giornata di trading

Positions usually held overnight and longer

Posizioni di dimensioni maggiori

Posizioni di dimensioni relativamente più piccole

Si avvale sia dell’analisi tecnica e di quella dei fondamenti

Si basa esclusivamente dell’analisi tecnica

Richiede più tempo davanti allo schermo per monitorare gli scambi

Richiede meno tempo davanti allo schermo per il trading

Quali sono i migliori strumenti finanziari per lo Swing Trading?

Questa è una domanda tanto vecchia quanto lo è il trading. Non sarebbe di alcun aiuto per nessuno conoscere una strategia vincente come lo swing trading ma non sapere su quali strumenti applicarla. Storicamente, lo swing trading era principalmente utilizzato per il trading di titoli azionari a grande capitalizzazione: titoli di società con una grande capitalizzazione di mercato, parliamo quindi di 10 miliardi di USD e oltre. Tuttavia, l'apertura dei mercati forex a tutti i trader ha visto la quasi totalità degli strumenti forex adatti alle dinamiche di mercato della domanda e dell'offerta. Per questo, quello che occorre fare è intuire se uno strumento riporta i segnali del normale comportamento del mercato al rialzo e al ribasso, e voilà! Hai davanti uno strumento per fare trading usando la tecnica dello swing trading.

Conclusioni

Con queste linea guida sei sulla buona strada per diventare un trader di swing di successo. A questo punto non ti resta che scegliere un broker forex che ti fornisca non solo tutti gli strumenti da utilizzare con le tue strategie swing, ma anche i migliori margini e le esecuzioni di mercato più veloci, in modo da perfezionare la tua strategia. Se ti stai chiedendo di quale broker parliamo, la risposta è univoca: Libertex. Puoi giovarti una serie di indicatori tecnici che ti aiutano in tutte le analisi, e ti verranno fornite le notizie relative al forex in tempo reale, per assicurarti di non essere mai colto di sorpresa. Libertex consente inoltre ai suoi abbonati di in cui possono esercitarsi con le loro strategie e metodologie di trading alla perfezione, prima di avventurarsi nel trading con denaro reale. Avrai anche un broker di ottima reputazione a livello mondiale, che fornisce strumenti a zero spread: il miglior broker di criptovaluta per due anni consecutivi (2017 e 2018), la migliore app di trading (2017 e 2018), oltre ad essere stato riconosciuto dall'International Financial Commission. 

Perché scegliere Libertex?

Libertex offre a ogni trader affiliato:

  • l'accesso a un conto demo gratuito
  • supporto tecnico all'operatività dal lunedì al venerdì, dalle 8:00 alle 18:00 (CET)
  • leva fino 1 su 30 per i privati e fino a 1 su 600 per i clienti professionali
  • operatività da qualsiasi dispositivo con Metatrader 4 su Libertex.
Minutes: 
11
Main story: 

Indietro

Entra su Libertex!

Esercitati gratuitamente su un conto demo con 50.000 euro

REGISTRATI
o inizia a fare trading live ora
Indice