Cosa è un indice azionario

Cosa è un indice azionario


24 Ott 2018

Un indice azionario viene utilizzato per descrivere la performance del mercato azionario, o una parte specifica di esso e per confrontare i rendimenti degli investimenti. In generale, un indice utilizza una media ponderata dei prezzi delle azioni. Il NASDAQ, S&P 500 e Dow Jones Industrial Average sono esempi di indici azionari. In questo articolo, ti diremo tutto sugli indici e su come guadagnare usandoli.

Cosa è un indice

Dal momento che sarebbe troppo difficile monitorare tutti i titoli che vengono scambiati, prendiamo un campione più piccolo del mercato che è rappresentativo del tutto - utilizzano sondaggi per misurare il sentiment della popolazione. Questo campione più piccolo è chiamato un indice, che è una misura statistica delle variazioni in un portafoglio di titoli che rappresentano una porzione del mercato complessivo.

Gli investitori e gli altri partecipanti al mercato utilizzano gli indici per monitorare le performance del mercato azionario. Idealmente, un cambiamento nel prezzo di un indice rappresenta una variazione esattamente proporzionale delle azioni incluse nell'indice: se un indice sale dell'1%, ad esempio, significa che anche le azioni che compongono tale indice sono aumentati di una media dell'1%.

Vediamo come funzionano gli indici, usando un semplice esempio:

  • Supponiamo di aver creato un indice per monitorare il prezzo di un litro di latte.
  • Il latte costa 2,00$ per gallone.
  • Il valore dell'indice iniziale è 1.
  • Quando il latte costa 2,50$, il nostro indice sarà 1,25, che riflette un aumento del 25% del prezzo del latte.
  • Se il latte costa 2,25$, l'indice è 1,15. Il cambiamento di 0,1 riflette una diminuzione del 10% del prezzo del latte.

Se tu fossi un distributore di latte, potresti trovare molto utile l'indice del latte. Lo userei al posto di andare al negozio ogni giorno per annotare i prezzi del latte di ogni concorrente e trarne una media.

Gli indici azionari sono usati dai trader, economisti e accademici, ma ognuno usa le informazioni in un modo diverso.

Storia della creazione dell'indice

Nel 1896, Charles Dow - che insieme al suo collega giornalista Edward Jones fondò Dow Jones & Company - creò il Dow Jones Industrial Average (DJIA), il secondo più antico indice di borsa al mondo (il più vecchio è l'indice Dow Jones Transportation, anch'esso creato da Dow). A quel tempo, il DJIA conteneva 12 società quotate, tra cui la General Electric, l'unico componente originale rimasto nell'indice. Oggi, il Dow è un punto di riferimento che tiene traccia di 30 delle più grandi e influenti società negli Stati Uniti ed è uno degli indici più noti al mondo.

La funzione originaria degli indici era di agire come un barometro dei mercati azionari, offrendo agli osservatori una misura concreta dell'appetito degli investitori o potenziali prospettive di IPO. Lo fanno ancora, fino a un certo punto.

Negli anni '20, tuttavia, gli indici si erano evoluti dai barometri ai benchmark destinati a misurare le prestazioni del mercato. Negli anni '60, progettati con il Capital Asset Pricing Model (CAPM) e con la struttura di ponderazione della capitalizzazione in mente, gli indici iniziarono a essere usati per descrivere il mercato di riferimento, dal quale potevano essere confrontati i risultati dei gestori attivi degli investimenti.

Come vengono calcolati gli indici

Prima dell'era digitale, il calcolo del prezzo di un indice azionario doveva essere il più semplice possibile. Il DJIA originale è stato calcolato utilizzando una media semplice: aggiungi i prezzi delle 12 società e dividi quel numero per 12. Questi calcoli rendevano l'indice non più di una media, ma in ogni caso avevano uno scopo ben preciso.

Oggi, il DJIA utilizza una diversa metodologia chiamata ponderazione basata sul prezzo, in cui i componenti sono ponderati in base ai loro prezzi. Per calcolare l'indice, i prezzi correnti delle 30 azioni vengono aggiunti e quindi divisi per il cosiddetto Divisor Dow, un numero che viene utilizzato per mantenere la continuità storica dell'indice. Questo numero viene continuamente aggiornato per tenere conto dei cambiamenti nel mercato, come le divisioni azionarie, lo spin-off e qualsiasi modifica delle componenti Dow. Nel 2008, ad esempio, il valore del Divisor Dow era 0.125553. Oggi è 0.14602128057775.

La maggior parte degli indici pesa sulle società in base alla capitalizzazione di mercato anziché al prezzo. Se il limite di mercato di una società è di 1.000.000$ e il valore di tutte le azioni nell'indice è 100.000.000$, la società varrà l'1% dell'indice. Gli indici sono continuamente calcolati per fornire riflessioni accurate del mercato durante la sessione di trading.

Gli indici più popolari 

Dow Jones Industrial Average

Dow Jones Industrial Average

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è uno degli indici più vecchi, più conosciuti e più utilizzati al mondo. Include le azioni di 30 delle più grandi e più influenti società negli Stati Uniti. Il DJIA è noto come indice dei prezzi ponderati. Originariamente veniva calcolato aggiungendo il prezzo per azione delle azioni di ciascuna società nell'indice e dividendo tale importo per il numero di società; è per questo che si chiama average (media). Sfortunatamente, non è più così semplice da calcolare. Nel corso degli anni, la divisione delle azioni, gli spin-off e altri eventi hanno causato cambiamenti nel divisore, il che lo rende un numero molto piccolo (meno di 0,2).

Il DJIA rappresenta circa un quarto del valore dell'intero mercato azionario statunitense. UU., Ma una variazione percentuale nel Dow non dovrebbe essere interpretata come un'indicazione definitiva che l'intero mercato è sceso della stessa percentuale. Ciò è dovuto alla funzione ponderata dal prezzo del Dow. Il problema di base è che un cambio 1$ nel prezzo di un'azione da 120$ nell'indice avrà un effetto maggiore sul DJIA di un cambio di 1$ nel prezzo di una'azione da 20$, sebbene le azioni con un prezzo più alto siano cambiate solo dello 0,8% rispetto al 5% dell'altra.

Un cambiamento nel Dow rappresenta cambiamenti nelle aspettative degli investitori in merito ai guadagni e ai rischi delle grandi aziende inclusi nella media. Poiché l'atteggiamento generale nei confronti delle azioni a larga capitalizzazione spesso differisce dall'atteggiamento nei confronti di titoli a bassa capitalizzazione, azioni internazionali o titoli tecnologici, il Dow non dovrebbe essere utilizzato per rappresentare il sentiment in altre aree del mercato. D'altra parte, perché il Dow è composto da alcune delle aziende più conosciute negli Stati Uniti. Negli Stati Uniti, le grandi oscillazioni di questo indice corrispondono generalmente al movimento dell'intero mercato, sebbene non necessariamente sulla stessa scala.

S&P 500

L'indice Standard & Poor's 500 (comunemente noto come S&P 500) è un indice più ampio e diversificato rispetto al DJIA. Composto da 500 delle azioni più vendute negli Stati Uniti, rappresenta circa l'80% del valore totale dei mercati azionari statunitensi. In generale, l'indice S&P 500 fornisce una buona indicazione del movimento nel mercato statunitense.

Poiché l'indice S&P 500 è ponderato dal mercato (chiamato anche capitalizzazione ponderata), ciascuna azione nell'indice è rappresentata in proporzione alla sua capitalizzazione di mercato totale. In altre parole, se il valore di mercato totale delle 500 società dello S&P 500 diminuisce del 10%, anche il valore dell'indice viene ridotto del 10%.

Un movimento del 10% in tutte le azioni del DJIA, d'altra parte, non necessariamente causerebbe un cambiamento del 10% nell'indice. Molte persone credono che la ponderazione del mercato utilizzata nell'S&P 500 rappresenti una misura migliore del movimento del mercato, in quanto due portafogli possono essere confrontati più facilmente quando i cambiamenti sono misurati in percentuale piuttosto che in dollari.

L'indice S&P 500 comprende aziende in diversi settori, tra cui energia, industria, informatica, sanità, finanza e beni di consumo.

Nasdaq Composite

Nasdaq Composite

La maggior parte degli investitori sa che il Nasdaq è l'exchange in cui vengono scambiate le azioni tecnologiche. Il Nasdaq Composite Index è un indice ponderato per capitalizzazione di borsa di tutti i titoli scambiati al Nasdaq Stock Exchange. Questo indice include alcune società che non hanno sede negli Stati Uniti.

Sebbene questo indice sia noto per la sua ampia quota di titoli tecnologici, il Nasdaq Composite comprende anche le azioni delle industrie finanziarie, industriali, assicurative e dei trasporti, tra le altre. Il Nasdaq Composite comprende aziende grandi e piccole ma, a differenza di Dow e S&P 500, include anche molte società speculative con piccole capitalizzazioni di mercato. Di conseguenza, il suo movimento indica generalmente le prestazioni del settore tecnologico, nonché l'atteggiamento degli investitori nei confronti di azioni più speculative.

DAX 30

Il DAX è un indice borsistico che rappresenta 30 delle più grandi e più liquide società tedesche quotate alla Borsa di Francoforte. I prezzi usati per calcolare l'indice DAX provengono da Xetra, un sistema di commercio elettronico. È un indice ponderato per capitalizzazione, quindi misura essenzialmente le prestazioni delle 30 maggiori società quotate in Germania. Pertanto, è un forte indicatore della forza dell'economia tedesca e del sentiment degli investitori nei confronti delle azioni tedesche.

Il DAX è stato creato nel 1988 con un valore base dell'indice di 1.000. Le aziende associate al DAX rappresentano circa il 75% del capitale di mercato aggregato negoziato alla Borsa di Francoforte.

È il principale indice del mercato azionario europeo nel mercato globale.

FTSE 100

Il nome FTSE 100 ha origine quando era di proprietà del 50/50 dal Financial Times e dalla London Stock Exchange (LSE), quindi FT e SE producono FTSE. Si riferisce anche alla sua composizione di 100 società.

Il FTSE 100 (più colloquialmente conosciuto come il Footsie) è un indice composto dalle 100 maggiori società (per capitalizzazione di mercato) quotate alla London Stock Exchange (LSE). Sono spesso indicati come società "di prima linea" e l'indice è considerato una buona indicazione delle prestazioni delle principali società quotate nel Regno Unito.

Le società più grandi costituiscono una porzione più ampia dell'indice perché ponderata dalla capitalizzazione di mercato. L'FTSE 100 è gestito dal gruppo FTSE. Viene calcolato in tempo reale e, quando il mercato è aperto, viene aggiornato e pubblicato ogni 15 secondi.

Il FTSE 100 è spesso visto come un indicatore di prosperità tra le aziende con rating del Regno Unito e dell'economia in generale. Tuttavia, gran parte delle società incluse in questo indice hanno sede in altri paesi.

Trading Index CFD

Trading Index CFD

I CFD o Contratti per differenza sono uno dei prodotti finanziari in più rapida crescita nel mercato attuale. Offrono ai trader l'opportunità di negoziare tutti gli indici azionari del mondo da una piattaforma, pur ottenendo l'accesso a incredibili livelli di leva finanziaria.

Per ottenere maggiori informazioni su cosa sia il CFD, puoi cliccare sul link.

Con l'aiuto degli indici CFD, puoi guadagnare sulle fluttuazioni degli indici allo stesso modo del valore delle azioni o dei tassi di cambio.

Quando si assume una posizione CFD, un trader è sostanzialmente d'accordo nel modificare la differenza nel prezzo di un indice da un periodo di tempo a un altro. In altre parole, il CFD è un accordo tra l'acquirente (te) e il Broker per scambiare la differenza tra il valore corrente di un indice e il suo valore in un momento futuro. Se hai una posizione lunga e la differenza è positiva, il Broker ti paga. Se è negativa, paghi il Broker.

Il prezzo dell'indice CFD è direttamente correlato al prezzo del future correlato. Il movimento dei prezzi dell'indice CFD segue il movimento del future correlato.

Il trading sugli indici CFD offre un modo eccellente per speculare sulla performance di ciascun mercato azionario in generale, piuttosto che selezionare azioni e singoli titoli. In effetti, i CFD su indici sono spesso considerati meno rischiosi dei singoli titoli, poiché il rischio si sta diffondendo sul mercato piuttosto che in una singola azienda.

Speriamo che questo articolo sia utile per te. E ti invitiamo a provare ad operare con l'indice CFD in questo preciso momento, aprendo un conto demo gratuito su Libertex. In esso puoi fare pratica facendo trading di CFD senza rischiare nulla. Inoltre, ti consigliamo di seguire un corso online gratuito.

Indietro

Opera con Libertex!

Registrati a Libertex e inizia a operare!

REGISTRATI
Indice