Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

crypto-winter-over

La capitalizzazione di mercato di Bitcoin torna a superare 1.000 miliardi di dollari grazie alla fine del crollo delle cripto

Fri, 01/20/2023 - 15:51

Il mercato delle criptovalute è stato uno dei peggiori del 2022, con i prezzi di molte delle principali monete in calo di oltre il 70%. Infatti, la capitalizzazione di mercato della valuta digitale originale, Bitcoin, è scesa da oltre 1.000 miliardi di dollari a poco più di 300 miliardi di dollari nel dicembre 2022. Moltissimi miner e fondi di criptovaluta sono stati costretti a dichiarare bancarotta. Poi il famigerato crollo di FTX ha minacciato di segnare la fine per l'intero settore. Ma, come spesso accade nei mercati finanziari, questo momento di massimo pessimismo si è rivelato essere proprio il punto in cui si è formato il fondo.

Proprio così. Contro le previsioni anche dei più accaniti tori delle criptovalute, il nuovo anno è iniziato con un clamoroso botto per gli asset digitali. In poco più di due settimane di gennaio, Bitcoin è riuscito a salire di circa il 25%. Anche se da allora c'è stata una leggera correzione, è chiaro che non si tratta di un'altra trappola per criptovalute. Ma cosa c'è dietro questo improvviso cambio di fortuna, e si può chiamare già inversione di tendenza? In questo articolo discuteremo la situazione attuale di questo settore altamente volatile e daremo un'occhiata alle migliori ipotesi degli analisti per il resto del 2023.

Non si tratta solo di Bitcoin

Come spesso accade nel settore delle criptovalute, Bitcoin tende a dettare la tendenza e poi si assiste a movimenti simili in tutto il mercato. Questa volta non sembra essere diverso: i due progetti più grandi per capitalizzazione di mercato (Ethereum e BNB) hanno guadagnato il 20-25% nello stesso periodo. Tuttavia, alcune monete sono riuscite a guadagnare molto di più del padre fondatore degli asset digitali. Avalanche (AVAX), ad esempio, è riuscita a guadagnare oltre il 50% dal 1° gennaio, mentre Solana (SOL) ha più che raddoppiato il suo valore nello stesso periodo.

Sebbene ci siano state alcune notizie fondamentali che potrebbero spiegare questa crescita asimmetrica, come l'accordo di collaborazione appena siglato da AVA Labs con Amazon e la sua divisione di cloud-computing Amazon Web Services (AWS) e il lancio della memecoin BONK di Solana, c'è anche un fattore molto più importante in gioco. L'esplosione della domanda negli spazi DeFi e dApps sta naturalmente facendo crescere token e blockchain come AVAX e SOL, che sono particolarmente adatti a questo tipo di applicazioni. In effetti, molti analisti, tra cui Motley Fool, prevedono che questi due progetti saranno i maggiori acquirenti del 2023 proprio grazie a questi fattori.

Diventare istituzionalizzati

Un tempo, non molto tempo fa, il mercato delle criptovalute era praticamente privo di quella che molti definiscono "moneta intelligente". Si trattava di un asset imprevedibile, dominato da trader al dettaglio senza responsabilità e senza obiettivi trimestrali o annuali. L'insieme di queste caratteristiche ha contribuito alla famigerata volatilità del settore e ha reso estremamente difficile prevederne il movimento. Ma tutto questo è cambiato durante la pandemia. Dopo molti anni in disparte, i fondi hanno iniziato a mettere in staking le valute digitali e a dicembre 2020 avevano già in gestione oltre 15 miliardi di dollari.

Poi, solo dodici mesi dopo, questa cifra è salita a oltre 65 miliardi di dollari. Un innegabile vantaggio di questa nuova iniezione di capitale è stata la maggiore prevedibilità che il denaro istituzionale comporta. Pertanto, quando i loro investimenti in criptovalute si sono ridotti del 95% nel 2022, gli analisti hanno capito che il fondo doveva essere vicino. Infine, quando la marea si è ribaltata e gli afflussi hanno iniziato a superare i deflussi nella seconda settimana di gennaio, sono state gettate le basi per una crescita sostenuta nel corso dell'anno. È ancora troppo presto per dire se l'inversione è completa, ma gli investitori più attenti continueranno a osservare il rapporto settimanale sugli afflussi per vedere se emerge un trend rialzista deciso.

Rischio sì, rischio no

Ora che abbiamo stabilito che il mercato delle criptovalute sta gradualmente maturando per diventare una vera e propria classe di asset come le azioni, le materie prime o i futures, dobbiamo accettare che sarà anche sempre più suscettibile ai fattori economici che influenzano il comportamento degli investitori. Bisognava vivere sotto una roccia per non aver notato l'inflazione dilagante e l'apparentemente sempre presente minaccia di recessione che dominava il 2022. Non sorprende che le turbolenze economiche e l'incertezza tendano a creare scompiglio negli asset di rischio e l'anno scorso non è stato diverso. Non è quindi una coincidenza che le azioni, gli ETF e le criptovalute siano stati alcuni degli strumenti più colpiti negli ultimi 12 mesi e che lo spettro incombente della recessione nell'eurozona e negli Stati Uniti abbia fatto sì che molte di queste asset class rischiose siano rimaste ferme nel nuovo anno.

Ciò che è insolito, tuttavia, è che il mercato delle criptovalute, storicamente volatile e intrinsecamente più rischioso, è stato il primo a rimbalzare in modo significativo, più che raddoppiando i guadagni ottenuti anche dai titoli azionari statunitensi che hanno registrato le migliori performance. Potrebbe essere un segno che gli asset digitali sono ora in testa agli asset di rischio nel loro complesso, o è solo un'ulteriore prova dell'imprevedibilità delle criptovalute? Poiché l'economia globale continua a superare le aspettative, è possibile che si prospetti una ripresa a V o a U, con gli asset digitali che si preparano a guidare il gruppo di investitori in un nuovo ciclo rialzista.

Fai trading di CFD su criptovalute con Libertex

Libertex offre posizioni sia long che short e puoi decidere il trend che preferisci. Sono disponibili oltre 150 CFD su diverse coppie di asset digitali, tra cui Bitcoin, Ethereum, Avalanche e Solana, quindi molto probabilmente riuscirai a trovare un asset sottostante che susciti il tuo interesse. Inoltre, il vantaggio unico dei CFD significa che non è necessario possedere fisicamente la moneta o il token che si desidera negoziare: si può acquistare o vendere in qualsiasi momento e raccogliere semplicemente la differenza. Per maggiori informazioni sulla nostra ampia offerta di CFD su criptovalute e sulla nostra struttura commissionale estremamente vantaggiosa, visita il sito www.libertex.com/cryptocurrencies

Avviso di rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro a causa della leva. L'89,1% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Si applicano piccoli spread. Controlla i nostri spread sulla piattaforma. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.