Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 78,31% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 78,31% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

chinese-stocks

Crisi in Cina

Fri, 10/14/2022 - 21:04

Non molto tempo fa, gli analisti di mercato e gli economisti erano apparentemente unanimi nel ritenere che questo secolo sarebbe appartenuto alla Cina. Dicevano che l'enorme territorio, la popolazione e la potenza industriale del paese sarebbero stati semplicemente ineguagliabili. Di certo, quindi, questo dovrebbe tradursi in enormi guadagni azionari per le aziende che guidano questa conquista economica. A giudicare dall'anno appena trascorso, sembra che le cose non stiano così.

Questa settimana i cittadini cinesi sono tornati dalle vacanze della Settimana d'Oro e hanno trovato i titoli della Cina continentale e di Hong Kong ancora più in ribasso, in quella che è diventata un'inesorabile rincorsa ai minimi storici. In effetti, lo Shanghai Composite (SSE) è sceso di quasi del 20% nell'ultimo anno, mentre l'Hang Seng è sceso di ben il 30% nello stesso periodo. Ma cosa sta causando questa apparente corsa al ribasso e cosa possono fare i trader e gli investitori per proteggere o addirittura accrescere il loro capitale in questi tempi di incertezza?

Zero COVID = Zero Crescita

Senza dubbio abbiamo sentito raccontare storie orribili e assurdità di ogni genere associate a quella che è diventata forse la politica più criticata della Cina. L'ultimo di questi fatti è avvenuto proprio il mese scorso, quando le autorità, troppo zelanti, hanno impedito ai residenti di Chendu di evacuare i loro palazzi in seguito a un terremoto di magnitudo 6,8, a causa del lockdown in corso. Tuttavia, l'impatto di questo mantra fuorviante non si è fatto sentire più di tanto sull'economia del Paese. Lungi dal raggiungere l'obiettivo di crescita annuale del 5,5%, il PIL cinese ha subito una contrazione del 2,6% nel terzo trimestre del 2022.

Nel frattempo, la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 19,3% a giugno di quest'anno, in quanto molte aziende rimandano le assunzioni per le nuove posizioni entry-level fino a quando l'incertezza sul coronavirus non si sarà attenuata. Come in Occidente, i settori del turismo e del tempo libero sono stati completamente danneggiati dalle frequenti chiusure delle città, imposte per la pandemia, e anche il settore tecnologico e manifatturiero ha sofferto a causa dei minori consumi che questa sofferenza economica ha comportato. Baidu (BIDU), ad esempio, ha visto la sua attività di marketing online ridursi del 6,5%, mentre Alibaba (BABA) ha subito lo stesso calo. Di conseguenza, entrambi questi titoli di spicco sono scesi rispettivamente del 27% e del 38% nell'ultimo anno.

L'acuirsi delle tensioni geopolitiche

Tra esercitazioni navali e visite ufficiali a Taiwan, le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono diventate piuttosto tese negli ultimi tempi. Sebbene il Segretario di Stato americano Antony Blinken abbia rassicurato il ministro degli Esteri cinese Wang Yi che la politica "Una sola Cina" degli Stati Uniti non è cambiata, è facile capire come Pechino possa interpretare le recenti azioni di Washington come segnali del contrario. In un'escalation della guerra commerciale condotta dagli Stati Uniti contro la Cina, all'inizio di ottobre sono stati introdotti controlli sulle esportazioni eccessivamente draconiani che impediranno alle aziende cinesi di accedere ai più recenti strumenti e componenti per la produzione di chip. L'obiettivo dichiarato di questa politica è quello di impedire alla Cina di sviluppare tecnologie AI di nuova generazione e alcuni l'hanno già definita "un atto di guerra economica". Ora, gli Stati Uniti hanno limitato la vendita di alcuni componenti a società come SMIC (in calo di quasi il 20% su base annua) dal 2020, ma queste nuove norme hanno stretto ulteriormente la morsa.

Dato che Biden non ha escluso di fornire aiuti militari a Taiwan nel caso in cui questa decidesse di dichiarare l'indipendenza, non possiamo scartare la possibilità di una guerra totale in futuro. In effetti, in una telefonata con il Presidente Biden, Xi Jinping ha detto chiaramente che "coloro che giocano con il fuoco ne moriranno".

Dove andremo a finire?

Sebbene la situazione possa apparire cupa da questo punto di vista, non sono tutte rose e fiori per la seconda economia mondiale. Le recenti performance delle più grandi aziende tecnologiche del paese possono sembrare pessime, ma la buona notizia è che il potenziale rialzo per aziende come Alibaba, Baidu e Tencent è virtualmente illimitato. Ai prezzi attuali di 75$, 103$ e 32$, rispettivamente, gli ADR di questi giganti asiatici si trovano a livelli conosciuti solo all'inizio o verso la metà del decennio 2010. Se da un lato c'è da temere il delisting, dall'altro tutte queste aziende sono protagoniste di settori orientati al futuro come il cloud computing e l'IA, che si ritiene debbano generare risultati economici positivi prima o poi.

Inoltre, per quanto potenti siano le sanzioni statunitensi, sono molto meno efficaci contro la Cina. Dopo tutto, la Cina ha un mercato interno di oltre un miliardo di persone e intrattiene buone relazioni con un altro mercato di dimensioni simili, l'India. Le sanzioni sui chip, in particolare, hanno visto l'attività di SMIC crescere, non ridursi, con una domanda in aumento da parte della Cina e dei paesi in via di sviluppo per colmare il vuoto lasciato dagli Stati Uniti. Tenendo conto di tutto ciò, tra un decennio potremmo considerare questi prezzi dei titoli come opportunità di acquisto generazionali. Solo il tempo ce lo dirà.

Scambia CFD sulle azioni cinesi con Libertex

Libertex è un noto broker che offre posizioni sia long che short su CFD per titoli come Alibaba, Tencent, Baidu e l'iShares China Large Cap ETF, in modo che tu possa dire la tua qualunque sia la direzione che ti aspetti per il mercato cinese. Libertex offre anche un'ampia gamma di CFD su materie prime, valute, opzioni e persino criptovalute se le azioni non ti interessano troppo. Per maggiori informazioni o per creare un conto, visita il sito www.libertex.com

Avviso di rischio: i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. L'87,8% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Si dovrebbe prendere in considerazione la propria capacità di comprendere lo strumento dei CFD e se ci si può assumere l'alto rischio di perdita che il trading di questi strumenti comporta.