Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

metals-pressure

I metalli preziosi sono sotto pressione: la correzione del dollaro rivela i guadagni dell'oro

Fri, 02/17/2023 - 18:52

Si potrebbero perdonare gli investitori per aver pensato che i metalli preziosi siano stati scambiati con un andamento piatto nell'ultimo anno o giù di lì, con prezzi praticamente allo stesso livello in cui si trovavano prima della pandemia di COVID. Tuttavia, ciò che molti dimenticano è il fatto che gli ultimi 12 mesi sono stati caratterizzati da una solidità storica del dollaro statunitense. Anche tralasciando i massimi di metà estate, quando il dollaro ha superato la parità per un certo periodo di tempo, l'USD vale ancora quasi il 15% in più in termini di euro rispetto al periodo precedente la pandemia. Ciò significa che l'oro non solo ha mantenuto il suo valore in questo periodo turbolento, ma ha anche registrato guadagni a due cifre nel "mondo reale".

Ora, a partire dal terzo trimestre del 2022, l'oro e l'argento sono praticamente esplosi, aumentando tra il 10-15% nel giro di pochi mesi. Potrebbe non sembrare un aumento significativo, ma, per gli standard dei metalli preziosi si tratta di una tendenza piuttosto pronunciata. Si tratta di un segnale di un incipiente ciclo rialzista; quali sono le forze trainanti di questo movimento significativo da parte di una classe di asset altrimenti riservata? In questo articolo cercheremo di rispondere a queste e altre domande, facendo luce sulle prospettive a lungo termine dell'oro e dell'argento fino al 2024 e oltre.

Posizione 1: la debolezza del dollaro fa aumentare il prezzo dei metalli

Come abbiamo accennato in precedenza, nel 2022 l'USD ha registrato uno dei suoi anni più positivi da oltre due decenni. Ma come ogni investitore sa bene, ciò che sale velocemente può scendere altrettanto velocemente, ed è proprio ciò che stiamo osservando attualmente con il dollaro. Da un massimo di 1,04 alla fine di settembre dello scorso anno, il tasso di cambio EUR/USD è ora in calo di oltre il 10% a 0,93. Di conseguenza, i guadagni dell'oro nel "mondo reale", che prima erano visibili solo se confrontati con l'euro, ora sono diventati evidenti anche in termini di dollari.

Se a ciò si aggiunge un aumento naturale della domanda di metalli preziosi provocata dalla continua instabilità geopolitica e da un'inflazione superiore alle aspettative, l'apparente rapido apprezzamento dell'oro e dell'argento appare logico. In un contesto di rendimenti più bassi del Tesoro USA a 10 anni, pari al 3,61%, il sentimento di avversione al rischio si sta affievolendo e possiamo aspettarci che il metallo giallo continui a superare i 1.880,00 $. Inoltre, si prevede che la Federal Reserve completerà il suo ciclo di inasprimento entro la fine dell'anno e, dato che i successivi rialzi sono già ampiamente preventivati, è chiaro che l'oro potrà aumentare ulteriormente di valore senza i venti contrari di un dollaro forte.

Posizione 2: tutto sull'inflazione 

Dopo un paio d'anni davvero tormentati per l'economia globale, potrebbe sembrare che il peggio sia passato. Potrebbe essere vero, ma non siamo ancora fuori pericolo. L'incertezza geopolitica in Europa e nel Pacifico e l'attuale incertezza inflazionistica fanno sì che gli asset di mitigazione del rischio come l'oro e l'argento rimangano coperture interessanti per gli investitori alla ricerca di diversificazione di ogni genere. Infatti, sebbene si preveda che la Federal Reserve e le altre principali banche centrali mondiali raggiungano i propri tassi di riferimento con ulteriori rialzi complessivi inferiori a 100 punti base, ciò non è affatto scontato.

Se l'inflazione non scende al di sotto del 4%, i legislatori globali dovranno continuare a inasprire le misure, incrementando così la domanda di metalli preziosi. La banca canadese CIBC prevede che i prezzi dell'oro e dell'argento si aggireranno in media intorno a 1.800 dollari e 23,50 dollari l'oncia nel 2023, ovvero circa il 5% in meno rispetto ai prezzi attuali. Nel frattempo, i futures sull'oro di aprile erano scambiati a 1.887,30 $ l'oncia alla fine della scorsa settimana (10/02), mentre i futures sull'argento di marzo erano scambiati a 22,35 $. Tuttavia, ancora una volta, questi prezzi si basano solo su 1-2 ulteriori aumenti dei tassi nel 2023. Se ne vedremo altri, tutto è possibile.

Posizione 3: e le azioni?

Oltre agli ETF sui metalli, gli investitori possono ottenere esposizione a oro, argento e altri metalli preziosi acquistando azioni di società minerarie. Ovviamente non si tratta di una strategia adatta a tutti, ma la maggiore volatilità delle azioni del settore minerario e delle royalties può comportare guadagni maggiori, offrendo anche un grado più elevato di diversificazione tra tutte le materie prime trattate dalla società in questione. Un altro innegabile vantaggio di queste azioni è il fatto che in genere beneficiano di dividendi piuttosto solidi. Vale, Barrick e Rio Tinto sono tutti operatori stabili e ben consolidati nel settore minerario dei metalli preziosi e mantengono valutazioni molto interessanti nonostante i guadagni medi ben superiori a quelli dell'oro e dell'argento negli ultimi sei mesi. Barrick è in rialzo di oltre il 20%, mentre Vale ha guadagnato circa il 30% nello stesso periodo. Tuttavia, il leader del settore è Rio Tinto, con un guadagno di quasi il 50% da settembre.

Nel frattempo, questi giganti minerari offrono dividendi molto generosi, rispettivamente del 2,93%, 8,86% e 7,84%. Nonostante questi guadagni superiori alla media del mercato e un rendimento da dividendo relativamente elevato, Vale mantiene una valutazione "Buy" (acquistare) da parte della maggior parte degli analisti di Wall Street e il suo obiettivo di prezzo medio di 18,64 rappresenta un potenziale rialzo del 10%. Se tuttavia l'inflazione dovesse rimanere elevata e la propensione degli investitori nei confronti del rischio dovesse ridursi ancora una volta, potremmo registrare rendimenti ancora più elevati.

Scegli i CFD sull'oro (o sull'argento) con Libertex 

Con Libertex puoi negoziare CFD su un'ampia gamma di asset, dalle azioni e gli ETF alle criptovalute e, naturalmente, le materie prime. Oltre a oro (XAUUSD) e argento (XAGUSD), Libertex offre anche CFD su altri metalli preziosi come rame, platino e palladio. Inoltre, Libertex ti offre la possibilità di detenere posizioni sia lunghe che corte in qualsiasi asset disponibile, il che significa che puoi dire la tua, indipendentemente da quale ritieni che sia la tendenza dominante. Per maggiori informazioni o per creare un tuo conto di trading live, visita il sito www.libertex.com 

Avviso di rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. L'89,1% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo provider. Si applicano spread ridotti. Controlla i nostri spread sulla piattaforma. Valuta se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere il tuo denaro.