Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

biden

I piani di Biden relativi all'aumento delle tasse societarie potrebbero essere tornati in pista

Fri, 04/23/2021 - 20:04

Non è un segreto che il nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden abbia bisogno di finanziamenti per il suo ambizioso pacchetto. Il solo costo del suo piano infrastrutturale è stimato a circa 2,3 trilioni di dollari, poca cosa rispetto ai previsti 18 trilioni di dollari necessari nei prossimi tre decenni per il Green New Deal dei Democratici. Anche per la più grande economia del mondo, questi sono tanti soldi e dovranno essere reperiti in qualche modo. Biden non ha ricevuto alcun favore nemmeno dal suo predecessore.

Nel 2017, Trump ha tagliato l'aliquota dell'imposta sulle società dal 35% al 21%, riducendo così in modo significativo la fonte naturale di reddito per tali progetti. Di fronte a questa situazione, il nuovo presidente ha cercato di raccogliere sostegno per un aumento delle tasse, ritornando a dei valori pre-Trump. La resistenza interna da entrambi i lati della Camera dei Rappresentanti è stata accesa e sembrava che Biden sarebbe stato costretto a sospendere i suoi piani. Ma dopo qualche compromesso, sembra che questa proposta stia guadagnando un consenso globale.

G20 in soccorso

La natura ambiziosa e di vasta portata del piano aveva originariamente fornito supporto ai suoi detrattori nazionali. Ma è tutto finito ora che i ministri delle finanze di numerosi paesi del G20 si sono espressi a sostegno della proposta. Un grande sostenitore è il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz, che ha detto: "Condivido questa iniziativa sulla tassazione delle imprese, riusciremo a porre fine alla corsa mondiale al ribasso della tassazione". Nel frattempo, la controparte francese di Scholz, Bruno Le Maire, ha accolto con favore il fatto che "un accordo globale sulla tassazione internazionale sia ormai a portata di mano", aggiungendo: "Dobbiamo cogliere questa opportunità storica". Ciò avviene dopo che il Regno Unito e la Francia, frustrati dalla mancanza di progressi nei negoziati, hanno notoriamente lanciato tasse unilaterali sui servizi digitali in attesa di un consenso mondiale. 

Non si può accontentare tutti

Naturalmente, non tutte le principali economie sono entusiaste di stabilire un'aliquota fiscale minima globale per le società. L'Irlanda ne è un esempio. Come ha affermato il ministro delle finanze del paese, Paschal Donohoe: "L'attenzione a un'aliquota fiscale minima globale è una prospettiva su cui nutro delle riserve... non si sa quale sarà l'impatto di tutto questo sulla competitività per le piccole e medie economie che hanno aliquote di tassazione per le aziende più basse e che le utilizzano come parte del loro modello competitivo globale”. Tuttavia, la necessità di un sostegno globale per il nuovo programma è ovvia. Se i paradisi fiscali continueranno ad esistere, le imprese semplicemente si trasferiranno in queste giurisdizioni per evitare l'impatto del programma. Questo è anche il motivo per cui Biden sta cercando di colmare le scappatoie che vedono i contabili delle società generare complessi libri contabili di locazioni, prestiti e contratti di vendita per evitare le tasse statunitensi. Rimuovere l'incentivo a farlo standardizzando le tasse aziendali in tutto il mondo potrebbe essere una funzionante soluzione a lungo termine.

Fai compromessi e conquista

Come abbiamo già accennato, i piani di Biden non sono stati inizialmente accolti positivamente, non solo da parte dei senatori repubblicani e del Congresso, ma anche dall'interno del suo partito. Tuttavia, lungi dal rinunciare al progetto, l'astuto presidente è partito invece all'offensiva nel tentativo di convincere i legislatori. I più grandi avversari qui sono indubbiamente i Democratici moderati-conservatori, molti dei quali non erano a favore del progetto proposto. Un esempio lampante potrebbe essere il senatore Joe Manchin, che ha ripetutamente espresso preoccupazione sulla necessità delle aziende di rimanere competitive e di non "gettare al vento la cautela". Il signor Manchin ha, tuttavia, dichiarato che sarebbe disposto a sostenere un aumento fino al 25%, una cifra che sembra molto più psicologicamente accettabile per molti detrattori. Biden ha ascoltato ciò che hanno detto i suoi colleghi e da allora ha rivisto il suo obiettivo al 25%, che potrebbe essere sufficiente per far passare la legge al Congresso.

Considerazioni finali

Qualunque cosa accada, è chiaro che le cose devono cambiare quando si tratta di tassazione sulle società. Le aziende realizzano miliardi di profitti e crescono ogni anno, ma ora pagano proporzionalmente meno tasse rispetto agli anni '70. Nessuno può negare che questo sia un problema che deve essere affrontato in modo coordinato da tutti i paesi dato che il mondo di oggi è sempre più globalizzato. Finché non ci sarà un fermo impegno da parte di tutti a definire un livello equo di aliquote sulle società in tutto il mondo, la "corsa al ribasso", come è stata chiamata, non potrà mai finire veramente. Ma, come suggerirebbe la continua opposizione della Camera di Commercio degli Stati Uniti alle proposte, è probabile che le ricadute per le imprese saranno piuttosto significative. Molti credono che potrebbe persino provocare dei crolli dei mercati azionari poiché colpirebbe gli utili societari e di conseguenza gli investitori.

Come sfruttare questa situazione

La buona notizia per i clienti di Libertex è che questa potrebbe diventare un'opportunità per andare short sui tre grandi indici statunitensi (S&P 500, Dow Jones e Nasdaq) o anche su società specifiche, come i giganti del mondo Tech che potrebbero subire un duro colpo. Fortunatamente, Libertex offre trading sia long che short su una vasta gamma di CFD su ETF, indici e singole azioni.