Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 74,91% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 74,91% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

oil-drift

Petrolio alla deriva mentre emerge un doppio mercato

Thu, 03/09/2023 - 11:07

Il petrolio è la linfa vitale dell'economia globale. Senza di esso, le merci non possono essere spostate o addirittura prodotte, le persone non possono andare al lavoro o fare shopping e il cibo non può essere coltivato, confezionato o trasportato. Non è una coincidenza, quindi, che il prezzo del petrolio sia direttamente correlato alla salute e alla prosperità economica. Un esempio lampante è stato nel marzo 2020, a seguito del crollo causato dal COVID, quando i prezzi del Brent sono diventati praticamente negativi. I paesi erano in lockdown, le fabbriche chiuse e gli spostamenti interni severamente limitati. Ovviamente, si trattava di domanda e offerta di base. Nessuno aveva bisogno di carburante, quindi il suo prezzo è crollato. Ma come recita una famosa espressione, "ciò che scende deve anche salire".

Dopo due anni di oscillazioni in sintonia con la politica pandemica e le pressioni sul lato dell'offerta, il petrolio sembra essersi stabilizzato, con il leader di mercato Brent che ora si attesta a circa 82,30$ al barile (27/02/2023). Tuttavia, questo dato è ancora ben al di sopra della media decennale e, con un'inflazione al di sopra dell'obiettivo e un clima generale di incertezza, rappresenta un serio ostacolo per i settori manifatturiero e dei trasporti, oltre che per l'economia in generale. Mentre le banche centrali continuano ad aumentare i tassi e i paesi produttori di petrolio cercano di bilanciare la domanda e l'offerta, il 2023 si preannuncia come un anno chiave per questa risorsa energetica. Ora, senza ulteriori indugi, analizziamo le cause dell'attuale instabilità dei prezzi e cerchiamo di prevedere i movimenti più probabili di questo bene cruciale in futuro.

La domanda è in calo a causa dei dati negativi

Il mondo non si è ancora ripreso completamente dalla crisi del coronavirus del 2020. Le cose potrebbero sembrare tornate alla normalità, ma le conseguenze economiche di questo cigno nero globale senza precedenti sono ancora molto forti. L'inflazione dilagante causata dall'eccessivo quantitative easing durante la fase acuta della pandemia sta facendo salire tutte le materie prime, petrolio compreso. Tuttavia, un effetto collaterale di questa situazione è la diminuzione del potere d'acquisto e l'elevata volatilità del sentimento dei consumatori, che ha portato i produttori a dover regolare la produzione. 

In effetti, il grafico degli ordini di beni durevoli, tipicamente lineare, ha mostrato un quadro poco caratteristico di alti e bassi nel 2022. Dal febbraio 2022, quattro degli undici mesi presi in esame hanno registrato un calo, con il quadrimestre da marzo a giugno che ha segnato il maggior numero di aumenti consecutivi dell'anno. Per coincidenza (o forse no), proprio in questo periodo il prezzo del petrolio ha toccato il massimo locale di giugno, superando i 120$ al barile. Nel frattempo, l'ISM PMI degli Stati Uniti ha registrato un calo costante da 58,6 a 47,4 nello stesso arco di tempo, dopo aver trascorso gli ultimi tre mesi al di sotto del livello minimo chiave di 50. Non sorprende che il movimento del petrolio abbia praticamente rispecchiato questi due indicatori, con il Brent che ha perso gradualmente quasi il 35% da giugno. Non è ancora chiaro se il clima economico migliorerà, ma se così fosse, potremmo aspettarci un aumento del petrolio. 

Tutto è più economico in Cina

Dopo il grave ritardo accumulato per gran parte del 2022 in seguito alla tanto criticata politica di blocco a tappeto del PCC, che ha portato a un forte calo del consumo di petrolio sia da parte dei consumatori comuni che delle grandi industrie, la situazione sembra ora normalizzarsi in Cina. Gli analisti prevedono che le importazioni di petrolio del gigante asiatico raggiungeranno un livello record nel 2023, grazie all'aumento della domanda di trasporto e all'entrata in funzione di nuove raffinerie cinesi. Craig Erlam, analista senior di OANDA, ha affermato che l'ottimismo della Cina post-corona, il più grande importatore di petrolio al mondo, potrebbe avere a che fare con i guadagni che stiamo vedendo nel greggio.

La Cina e l'India sono diventati grandi importatori di petrolio russo a causa delle sanzioni occidentali, degli embarghi e dei limiti di prezzo imposti al membro dell'OPEC+. Anche in India, i dati governativi sulle importazioni di greggio hanno raggiunto un massimo di sei mesi a gennaio. In sostanza, l'instabilità geopolitica in Europa e le relative misure imposte al petrolio russo hanno visto emergere due mercati. Di conseguenza, il greggio degli Urali si trova attualmente a circa 49,70 dollari al barile, il che rappresenta un forte sconto del 40% sul Brent. Per i paesi non allineati come la Cina e l'India, si tratta di un enorme boom che significa che non solo saranno in grado di soddisfare una domanda potenzialmente elevata nel 2023, ma potranno anche risparmiare miliardi di dollari in costi di trasporto e produzione. Tuttavia, con la riduzione della produzione russa di questa settimana, potremmo presto assistere a un aumento sia degli Urali che del Brent nel breve-medio termine.

Cosa dicono i dati tecnici?

Molto in linea con i fondamentali che abbiamo già trattato, l'analisi tecnica è altrettanto contrastante. Sia il Brent che il WTI presentano segnali contrastanti e sembra che dovremo assistere a un movimento convincente in una delle due direzioni prima di ricevere dei segnali realmente attivabili. I grafici settimanali e mensili delle due principali varietà di greggio degli Stati Uniti sembrano variare da sell a strong sell, anche se il MACD per entrambi i timeframe suggerisce in modo piuttosto confuso che i prezzi attuali rappresentano un buon affare per i potenziali detentori a lungo termine.

Se invece ci spostiamo sui grafici giornalieri, a 5 ore e a 1 ora, emerge un quadro completamente diverso. Il numero di indicatori che lampeggiano Buy aumenta esponenzialmente man mano che si riducono i timeframe dei grafici. Ad esempio, su 1 ora, RSI, MACD, ADX, CCI e Bull/Bear Power consigliano tutti l'acquisto. Di conseguenza, sembra che i trader giornalieri possano prendere in considerazione la possibilità di acquistare sia il Brent che il WTI ai livelli attuali. Per gli investitori a lungo termine, potrebbe essere saggio adottare un approccio attendista fino a quando non ci sarà la necessaria chiarezza su alcuni dei fondamentali descritti sopra.

Scambia CFD sul petrolio con Libertex

Libertex è un broker CFD esperto e rinomato per le sue basse commissioni, i suoi piccoli spread e la pluripremiata app di trading. Oltre ai CFD su Forex, azioni ed ETF, Libertex offre anche posizioni in CFD su un'ampia gamma di materie prime energetiche, tra cui il greggio WTI, il Brente il Light Sweet Crude. Poiché Libertex ti permette di aprire posizioni long e short su qualsiasi strumento negoziabile, non importa quale sia la direzione del mercato. Per maggiori informazioni o per aprire il tuo conto live, visita il sito www.libertex.com e unisciti alla schiera dei clienti di Libertex.

Avviso ri rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro a causa della leva. L'89,1% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Si applicano spread ridotti. Controlla i nostri spread sulla piattaforma. Valuta se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere il tuo denaro.