Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

bank-crisis

Crisi bancaria scongiurata o solo rimandata?

Fri, 04/28/2023 - 06:29

A poco più di un mese dall'annuncio della storica acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS, stiamo finalmente vedendo i primi risultati di una delle fusioni e acquisizioni di più alto profilo nella storia del settore bancario. Nell'ambito dell'accordo mediato dalle autorità di regolamentazione svizzere, UBS ha pagato 3 miliardi di franchi svizzeri (3,25 miliardi di dollari) per Credit Suisse, circa il 60% in meno del valore della banca alla chiusura dei mercati venerdì 17 marzo. Sebbene molti azionisti di Credit Suisse e altri obbligazionisti di primo livello siano stati completamente spazzati via dall'accordo di acquisizione, la speranza era che questo aiutasse a proteggere lo storico istituto svizzero, con i suoi 1.700 miliardi di dollari di asset in gestione, evitando una crisi bancaria potenzialmente devastante, simile a quella del GFC.

A prima vista potrebbe sembrare melodrammatico, ma faremmo bene a ricordare che Credit Suisse ha consumato quasi 20 volte l'importo della commissione d'acquisto concordata nei giorni precedenti l'annuncio, con prelievi netti giornalieri di circa 10 miliardi di dollari. Infatti, nemmeno un prestito di 54 miliardi di dollari da parte della Banca Nazionale Svizzera è riuscito a fermare l'emorragia. Ma ora, mentre UBS pubblica i suoi primi risultati trimestrali dopo questa acquisizione "a tappeto", molti trader e investitori si chiedono se l'operazione raggiungerà gli obiettivi desiderati e, in caso affermativo, come reagiranno i mercati mondiali.

Finora, va tutto bene

Ovviamente è ancora presto per dirlo, ma le prime risposte dei mercati e dei patrimoni privati sono state piuttosto incoraggianti. Forse l'aspetto positivo più visibile è l'aumento del prezzo delle azioni di quasi il 10% che abbiamo osservato nell'ultimo mese, a dimostrazione del fatto che gli investitori sono fiduciosi nella capacità di UBS di stabilizzare la nave e di garantire una nuova crescita negli anni futuri. Nel suo rapporto del primo trimestre, UBS ha anche sottolineato di essere riuscita ad attirare 28 miliardi di dollari di nuovi fondi nella sua unità di gestione patrimoniale globale. Pur ammontando a circa la metà dell'importo che è stato perso durante l'ultima fase dell'attività di gestione patrimoniale di Credit Suisse, si tratta certamente di un passo nella giusta direzione.

Naturalmente, non sono tutte buone notizie. UBS ha registrato una performance nettamente inferiore rispetto alle previsioni iniziali degli analisti, con un utile netto di 52% per appena 1,03 miliardi di dollari a fronte di previsioni di 1,75 miliardi di dollari. Tuttavia, è importante notare che queste previsioni sono state fatte ben prima dell'acquisizione inaspettata e in qualche modo forzata di Credit Suisse, che avrebbe avuto un impatto negativo significativo sui profitti della banca. Se questa tendenza dovesse continuare fino al quarto trimestre, potremmo considerarla un buon segno: una crisi bancaria europea su larga scala è ormai improbabile e l'inflazione è in qualche modo sotto controllo.

Non farci troppo affidamento

La crisi bancaria più recente è iniziata con il crollo simultaneo degli istituti di credito cripto-friendly Silvergate, Silicon Valley Bank e Signature Bank. Altre banche, come First Republic, sono state fortunate a sopravvivere a quella che è stata definita "la prima corsa agli sportelli alimentata da Twitter". Sebbene l'autorità di regolamentazione svizzera sia riuscita a evitare quello che sarebbe stato un fallimento catastrofico per il capitale europeo, la situazione sarebbe potuta andare facilmente nella direzione opposta. Pertanto, con molte banche europee ancora pericolosamente sottocapitalizzate, è molto probabile che la prossima volta non saremo altrettanto fortunati.

Nonostante il Presidente della BCE Christine Lagarde abbia affermato che "il settore bancario dell'area dell'euro è resistente, con solide posizioni di capitale e di liquidità" e che "lo strumentario di politica della BCE è pienamente equipaggiato per fornire supporto di liquidità al sistema finanziario dell'area dell'euro", la preoccupazione è comunque forte sia tra gli operatori di mercato che tra gli economisti. La preoccupazione maggiore è che qualsiasi programma di salvataggio su larga scala di banche di importanza sistemica globale (G-SIBS) come Credit Suisse possa portare alla creazione di colossi che, secondo le parole dell'economista tedesco Hans-Werner Sinn, potrebbero rivelarsi "troppo grandi per essere salvati". Non dimentichiamo che UBS ha avuto bisogno di un salvataggio proprio 15 anni fa, e se una situazione del genere dovesse ripresentarsi nella sua nuova forma allargata, persino il FMI farebbe fatica a finanziarla.

Fai trading di azioni e molto altro con Libertex

Libertex è un broker CFD di grande esperienza con una lunga storia di accesso ai mercati finanziari per i trader e gli investitori del SEE e della Svizzera. Offriamo CFD su una vasta gamma di asset sottostanti, tra cui forex, criptovalute, materie prime e, naturalmente, azioni. Poiché Libertex offre posizioni sia lunghe che corte in un'ampia gamma di strumenti, puoi potenzialmente beneficiare di qualsiasi movimento dei mercati.

Con noi puoi negoziare i CFD di una serie di importanti banche commerciali e private, tra cui BNP Paribas, Citibank, JPMorgan Chase e Goldman Sachs. Per una strategia più conservativa e di ampio respiro, potresti provare i CFD sui principali ETF e fondi indicizzati statunitensi ed europei, come Vanguard FTSE Europe, SPDR S&P 500 e iShares Core US Aggregate Bond ETF. Per maggiori informazioni sul trading o sugli investimenti con Libertex o per creare il tuo conto oggi stesso, visita il sito https://libertex.com/signup

Attenzione al rischio: I CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro per via della leva. L'85,9% dei conti degli investitori retail perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Si applicano spread ridotti. Controlla i nostri spread sulla piattaforma. Valuta se hai capito come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere il tuo denaro.