Skip to main content

Avvertenza sul rischio: I CFD sono strumenti complessi e presentano l'elevato rischio di perdere denaro rapidamente per via della leva. Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore. Dovresti valutare se sei in possesso delle conoscenze sul funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di affrontare l'elevato rischio di perdere i tuoi soldi. Clicca qui per leggere la nostra Informativa sul Rischio completa.

Il 73,77% dei conti degli investitori retail perde denaro quando scambia CFD con questo fornitore.

inflation

Cosa ha portato il 2022? Siamo quasi arrivati a fine anno

Thu, 12/15/2022 - 16:07

Con l'avvicinarsi della fine del 2022, molti di noi saranno felici di vedere la fine di quello che è stato uno degli anni più difficili di sempre. Non solo la maggior parte delle classi di strumenti ha subito perdite devastanti, ma il mondo è stato anche afflitto da un'inflazione incontrollata, dall'insicurezza energetica e dalle interruzioni delle catene di approvvigionamento. Praticamente tutti gli asset di rischio sono stati in caduta libera, con i titoli tecnologici e le criptovalute particolarmente colpiti.

I prezzi del gas e del petrolio sono saliti a livelli insostenibili, insieme a quelli della maggior parte dei beni di prima necessità. L'impatto è stato ancora più drammatico per gli europei, con l'euro e la sterlina inglese che hanno perso molto terreno rispetto al dollaro. Anche l'oro è rimasto relativamente piatto, considerando l'entità della carneficina economica subita. Quindi, quali sono i meccanismi alla base di questa triste situazione di mercato e il 2023 porterà finalmente un po' di necessaria tregua ai trader e agli investitori tormentati di tutto il mondo?

Facciamo un bilancio dei danni

Non è un segreto che le azioni siano in calo dal novembre 2021. Ma mentre molti si aspettavano una correzione di breve durata, le azioni hanno sfidato le previsioni per scendere sempre più in basso negli ultimi dodici mesi. Il principale indice statunitense, l'S&P 500, è sceso in media del 15% dall'inizio dell'anno, mentre il Nasdaq, che si basa sul settore tecnologico, è sceso di quasi il 25% nello stesso periodo. Per le singole aziende, le perdite sono state esponenzialmente più elevate. Prendiamo ad esempio i beniamini del 2021, Tesla (TSLA), Netflix (NFLX) e PayPal (PYPL), tutti in calo di oltre il 50% da inizio anno.

Sebbene sia facile farsi prendere dal panico di fronte a questi cali, in realtà è del tutto normale in tempi di crisi economica come questi. In questi tempi di incertezza abbiamo assistito a una generale fuga dal rischio e non sorprende che i titoli azionari più sopravvalutati siano quelli che hanno sofferto di più. I recenti rialzi degli indici e dei singoli titoli nell'ultimo trimestre, insieme alla recente conferma da parte del vicepresidente della BCE Luis de Guindos che l'inflazione sta rallentando, potrebbero indicare che il fondo è già stato raggiunto. Pertanto, gli investitori che hanno adottato la media del costo del dollaro durante il mercato rialzista del 2022 potrebbero raccogliere i frutti nel nuovo anno.

Il grande crollo delle criptovalute

Alla luce della fuga dal rischio discussa in precedenza, non è certo sconvolgente che le criptovalute abbiano registrato i cali più disastrosi di tutte le classi di asset quest'anno. Sia Bitcoin che Ethereum sono scesi in media del 75% rispetto ai loro massimi storici, e alcune monete e token meno noti hanno perso oltre il 90% del loro valore nello stesso arco di tempo. Per non parlare di alcuni progetti apparentemente promettenti che sono scomparsi completamente insieme a miliardi di denaro degli investitori, come Terra e FTX. Come abbiamo detto, è normale che gli strumenti più volatili e intrinsecamente rischiosi siano quelli che perdono di più in mercati precari. Questo non dovrebbe scoraggiare gli investitori dal detenere criptovalute a lungo termine.

Forse l'aspetto più preoccupante di questo inverno delle criptovalute, tuttavia, è stato il fallimento di massa di troppi minatori pubblici con una leva elecata. Compute North è un nome di alto profilo che è fallito, mentre Core Scientific è sull'orlo del baratro. Dopo aver venduto tutte le loro riserve di monete per mantenere le luci accese, ora sono costretti a vendere ASIC all'avanguardia a una frazione del loro costo, per la gioia dei loro colleghi meglio capitalizzati. Tuttavia, una volta che i titoli spazzatura saranno falliti e i prezzi inizieranno a salire, il 2023 potrebbe certamente generare nuovi massimi per gli asset digitali. Secondo Huobi Global, almeno, il BTC dovrebbe toccare il fondo di 15.000$ entro marzo 2023, aprendo la strada a un nuovo rialzo negli ultimi tre trimestri dell'anno.

Frisky Forex 

L'alta volatilità delle criptovalute è ben documentata, ma le valute tradizionali dovrebbero essere una classe di asset stabile e prevedibile come poche. Ebbene, nel 2022 questa tendenza è stata decisamente invertita, dato che le valute legati hanno vissuto uno degli anni più altalenanti mai registrati. La coppia EUR/USD è scesa sotto la parità per la prima volta in 20 anni, mentre il valore del dollaro è salito rispetto alla maggior parte delle principali valute mondiali. L'inflazione è stata naturalmente un fattore importante in questo scenario insolito, ma il suo impatto è stato ulteriormente esacerbato dall'aumento della domanda di dollari a fronte della doppia crisi della liquidità e dell'energia. Il biglietto verde è ancora la valuta di riserva del mondo e gli operatori di mercato tendono ad affollarlo nei momenti difficili. Per non parlare del fatto che il commercio globale di petrolio avviene in dollari.

Si è parlato molto del fatto che la stampa di denaro da parte della Fed stia svalutando il dollaro, ma la verità è che questo denaro non entra mai nell'economia reale e quindi ha poco effetto sull'offerta effettiva di dollari. La domanda di garanzie basate sul dollaro, sotto forma di T-bills a breve scadenza, da parte del mercato dei derivati da svariati miliardi di dollari, ha invece contribuito a far salire il valore della valuta nazionale statunitense in modo significativo. Con la Fed che si occuperà delle pressioni della domanda attraverso forti rialzi dei tassi d'interesse e il previsto passaggio dai futures e dalle opzioni ai titoli fisici nel 2022, l'anno a venire dovrebbe essere caratterizzato da una normalizzazione dei tassi di cambio di EUR/USD e GBP/USD. In effetti, la previsione di Citibank per l'EUR/USD a sei-dodici mesi è di 1,05$, che sale a un ben più noto 1,10$ nel lungo termine.

L'oro ha perso il suo splendore?

Già dal 2020, subito dopo l'arrivo della pandemia, gli analisti di tutto il mondo hanno indicato che l'oro avrebbe sovraperformato. È logico, no? I tempi difficili e il dolore economico sono quasi sempre stati una manna per il metallo giallo. L'unica cosa che si è dimostrata ancora più redditizia sono stati i periodi di iperinflazione. Quindi, quando la pressione sui prezzi ha toccato il 10% quest'anno, si può perdonare ai fanatici dell'oro di aspettarsi guadagni massicci sui metalli preziosi. Tuttavia, nonostante un primo trimestre relativamente positivo, l'oro è entrato nell'ultimo mese del 2022 praticamente allo stesso livello (1800$ per oncia troy) di 12 mesi fa.

Qual è il motivo di questa misera performance? Tutto dipende dal dollaro, ovviamente. Poiché i prezzi dell'oro sono quotati in USD, sembra che il metallo sia stato scambiato in modo piatto per tutto l'anno. Tuttavia, se analizziamo meglio, ci accorgiamo che con l'inflazione il dollaro si è effettivamente apprezzato di circa il 10% nell'ultimo anno. Di conseguenza, possiamo dire che anche l'oro ha guadagnato circa lo stesso. Sembra strano, lo sappiamo. Ma se consideriamo il prezzo al grammo in euro, il quadro diventa molto più chiaro. I prezzi spot in Europa sono aumentati di quasi 8% da 50,49€ a 54,53€. Per questo motivo, l'oro ha svolto perfettamente il suo ruolo, preservando la capacità di spesa dei suoi possessori durante questo anno turbolento. Infatti, gli analisti di Saxo hanno affermato che l'oro potrebbe "attraversare il doppio massimo vicino a 2.075$ e puntare verso i 3.000$" nel 2023.